Celentani con seppie, carciofi, ‘nduja e finocchietto selvatico

Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

Il primo piatto di oggi è certamente un pasto ricco di sapori. Possiamo definirlo il connubio perfetto tra terra e mare. Terra significa orto come i carciofi o montagna e pascoli come la ‘nduja, realizzata con la carne di maiale e il peperoncino. Ma anche come il finocchietto selvatico che profuma il piatto. Mare come le seppie. Vi ricordo che è fondamentale scegliere le materie prime di qualità.

La novità del giorno è rappresentata dalla pasta. Abbiamo scelto di provare una delle specialità Barilla, ovvero i celentani. E’ un formato di pasta che troverete in una confezione dal colore blu scuro rispetto al blu chiaro che si differenzia per i formati di pasta comuni. I celentani sono una grande scoperta. Davvero ideali da consumare con ingredienti della stessa grandezza e soprattutto con le verdure e i pesci. Non vi resta che seguire passo dopo passo la ricetta.

PRIMO PIATTO | Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

Di 1 Novembre 2017

Uniamo la terra e il mare realizzando un primo piatto dal sapore unico grazie alla sapidità della 'nduja che non copre assolutamente il gusto delle seppie. Ecco la ricetta di oggi.

Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

  • Tempo Preparaz. : 5 minuti
  • Tempo Cottura : 35 minuti
  • Rendimento : 40

Ingredienti

Istruzioni

Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

Celentani con seppie, carciofi, 'nduja e finocchietto selvatico

Pulite i carciofi, tagliateli a julienne e immergeteli in acqua e limone. In una padella antiaderente versate due cucchiai di olio Evo, 2 spicchi di aglio, un rametto di rosmarino e una foglia di salvia. Fate rosolare a fuoco lento per qualche minuto e prima di aggiungere le seppie (o seppioline) eliminate tutto tranne l'aglio. Fate evaporare l'acqua che fuoriesce dal pesce e aggiungete la 'nduja. Fate cuocere per altri cinque minuti e sfumate col vino bianco.

Dopo aver fatto evaporare l'alcool inserite i carciofi e fate insaporire aggiungendo due mestoli di acqua, poi aggiustate con sale e pepe nero. Quando la pasta cotta in acqua salata sarà al dente, iniziate a mantecarla nella padella antiaderente con olio a filo. Se è necessario aggiungete un altro pizzico di sale e servite a tavola, dove sarà il momento di aggiungere il finocchietto selvatico.

Stampa
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *