Curare il corpo per rimanere in forma: i consigli di due nutrizioniste

Curare il corpo per rimanere in forma: i consigli di due nutrizioniste

La cura del corpo nell’epoca dei selfie e dei social rientra nella routine della maggior parte delle persone.  Il voler essere in forma è diventato per tutti la principale prerogativa per trovare un equilibrio interiore e migliorare anche il rapporto con gli altri, rientrando il più possibile negli standard che la società attuale impone.

Le persone sono alla ricerca continua sul web di consigli che riguardano la cura del corpo. Si cercano informazioni su come dimagrire velocemente,  su come eliminare la cellulite o più in particolare su come eliminare rughe e segni del tempo. Ecco che allora lozioni, creme, balsami, sorbetti non sono più sufficienti a soddisfare le richieste del popolo del web. Si richiedono infatti, mezzi che permettano un risultato più duraturo, più efficace e soprattutto che diano i risultati tanto desiderati nel più breve tempo possibile.

Ultimamente gli integratori sembrerebbero essere quelli che meglio esprimono questi desideri. Ne esistono di ogni tipo: per dimagrire, per ridurre il senso di fame, per non far diventare i capelli bianchi e nel caso specifico, esistono integratori di collagene che sembrerebbero ridurre notevolmente le tanto odiate rughe.

Qual è però il prezzo da pagare per l’utilizzo di questi prodotti? E non si parla di prezzo solo in termini economici. Potrebbero infatti, esserci anche dei rischi per la salute. Per comprendere meglio quali sono questi rischi bisogna per prima cosa farsi una domanda importante: Cos’è questo collagene? Il collagene, più comunemente conosciuto come gelatina, è la proteina più abbondante dell’organismo, si concentra in particolare a livello di ossatendinicartilagini, pelle,membrane e vasi sanguigni. A livello cutaneo, il collagene contribuisce a mantenere la compattezza e la tonicità della pelle.

Purtroppo, la produzione di collagene diminuisce con l’invecchiamento e questo fa si che la pelle diventi più rugosa, meno compatta e più sottile. Se l’organismo smette di produrre il collagene con l’aumentare dell’età, da dove viene estratto allora, quello utilizzato per gli integratori? Il collagene utilizzato in questi prodotti deriva in gran parte da ossa, pelli e tessuti connettivi di animali come bovini, suini e cavalli e talune volte viene invece impiegato collagene proveniente da prodotti ittici (conosciuto più comunemente come colla di pesce).

Considerando che il collagene viene ricavato da carcasse e scarti della macellazione animale, esistono timori sulla possibilità che la gelatina funga da vettore per la trasmissione di TSE-BSE (encefalopatie spongiformi trasmissibili). Anche se i processi di riscaldamento, filtrazione ed alcalinizzazione dei resti animali dovrebbero essere efficaci nel ridurre i livelli degli agenti infettivi (prioni) che trasmettono le TSE, perché rischiare? Soprattutto se esiste un metodo più semplice e sicuro al100%?

Inoltre c’è da considerare che la molecola del collagene necessita di una quantità adeguata di vitamina C per essere correttamente assorbita e che se l’alimentazione non è adeguata, i risultati ottenuti con l’integratore saranno poco duraturi. Un famosissimo filosofo ottocentesco diceva: “ siamo ciò che mangiamo”. La frase è azzeccatissima. L’organismo esprime esternamente ciò che viene introdotto con l’alimentazione. Essendo il collagene una proteina che l’organismo può produrre è sufficiente con l’alimentazione adeguata, stimolare la sintesi di questa proteina con i giusti nutrienti.

Per prima cosa è necessario introdurre giornalmente la giusta quantità d’acqua (1,5/ 2 l al dì). L’acqua è un elemento indispensabile per il benessere della nostra pelle, ha un ruolo cruciale nel mantenere una condizione di buona funzionalità, di conseguenza migliora l’aspetto generale della superficie cutanea. Questo perché l’acqua rientra nei principali processi biochimici dell’organismo. Una giusta quota idrica manterrà la pelle elastica e compatta mentre al contrario, la perdita di acqua può portare a uno stato di disidratazione profonda e all’invecchiamento precoce.

I cibi ricchi di  Vitamina C. Fondamentale per sostenere la produzione e il mantenimento del collagene (agrumiananaskiwi, fragole,ciliegie, broccoli, cavoli, cavolfiiori, pomodori, peperoni).

Molto utili anche gli alimenti che contengono Omega 3 come salmone, semi di lino e avocado.

Al contrario i cibi ricchi di zuccheri e molto grassi, le bevande alcoliche e le carni lavorate (insaccati come salame, mortadella, prosciutto) favoriscono l’invecchiamento precoce della pelle.

Dott.sse Teresa Loria e Ilaria Bruno

Biologhe nutrizioniste

Teresa Loria

Mi chiamo Teresa Loria. Mi sono laureata (con lode) alla facoltà di scienza della nutrizione magistrale presso l’università della calabria. Lavoro come biologa nutrizionista presso il mio studio e sono iscritta all’ordine nazionale dei biologi. Sono specializzata in alimentazione in gravidanza ed allattamento ed in disturbi del comportamento alimentare. Oltre alle normali visite in studio mi occupo da più di un anno di percorsi riabilitativi su persone affette da DCA, lavorando in collaborazione con altri specialisti. Ho tenuto dei corsi teorico-pratici per professionisti della nutrizione. Ho modificato il menu di alcuni asili privati e con essi abbiamo creato un percorso fatto di giochi, per far capire ai bambini ed ai genitori l’importanza della sana alimentazione. Collaboro con una squadra di calcio a 5 per la modifica dei pasti prima e dopo l’allenamento. Nel 2015 ho presentato il mio lavoro di tesi al convegno Nanosmat tenutosi a Manchester nella sezione nano-medicine e nano-biotechnology con il titolo “Adsorption and release of gemcitabine on novel mesoporous zeolite crystals”. Ho da sempre pensato che la prevenzione comincia a tavola e che una sana alimentazione che non comporta particolari rinunce sia alla base della nostra salute. Per scoprire tutti i consigli e le curiosità che ho in serbo per voi seguite i miei interventi!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *